Dolcepiemonte

martedì 18 ottobre 2011

MUSEO EGIZIO DI TORINO

Il museo egizio di Torino si conferma un fiore all'occhiello del turismo in Piemonte e mette on line la sua collezione.


In occasione del 180° anniversario dalla sua creazione il Museo Egizio ha messo online tutta la collezione, compresi i magazzini.
Fondato da Re Carlo Felice nel 1824 il Museo Egizio di Torino è situato da allora nel palazzo che nel XVII secolo l’architetto Guarino Guarini aveva costruito come scuola dei Gesuiti, noto come "Collegio dei Nobili", e che nel XVIII secolo era diventato sede dell’Accademia delle Scienze.

Il 6 ottobre 2004 il Ministero per i Beni e le Attività Culturali conferì in uso per trent’anni i beni del Museo ad una apposita fondazione, la Fondazione Museo delle Antichità Egizie di Torino, di cui fanno parte la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e la Fondazione CRT.

Il museo egizio di Torino ospita oggi nelle sue stanze circa 6.500 oggetti. Più di 26.000 reperti sono depositati nei magazzini, in alcuni casi per necessità conservative, in altri perché rivestono un interesse unicamente scientifico (vasellame, statue frammentarie, ceste, stele, papiri) e sono oggetto di studi i cui esiti sono regolarmente pubblicati.
La Sovrintendenza del Ministero dei Beni Culturali, con una spesa di € 180.000, sta procedendo all’inventariazione dei reperti nei magazzini e li sta gradualmente conferendo alla Fondazione.

Per visitare le collezioni direttamente on line basta aprire il sito del Museo www.museoegizio.it, cliccando sul link «Le collezioni» e quindi ancora su «Collezione». Comparirà un schermata che consente le ricerche generiche, oppure per categoria, per esempio "abbigliamento".

Il turismo in Piemonte quindi non è solo enogastronomia con l'importante contributo della cucina piemontese, ma anche cultura e archeologia. Il Museo Egizio di Torino cerca così di aumentare la sua offerta tecnologica attraverso internet, questo ne farà sempre più un polo di attrazione per il turismo in Piemonte.

CERCA CON GOOGLE: